Lunedì, 10 Maggio 2010 14:34

Salute e cure

Written by 

Salute:

Nonostante la sua apparente fragilità siamo di fronte ad un cane molto resistente che raramente di ammala, e che ben si adatta a tutti i climi e gli ambienti.

Il Papillon è un cane molto longevo, può vivere anche oltre i 15 anni, non soffre di particolari patologie, fatta eccezione per la PL, (lussazione della patella)*, e il PRA (Atrofia progressiva della retina)**, comuni per altro a molte altre razze.

Come altre razze piccole il Papillon può presentare problemi di denti. Vista la conformazione del muso essi vanno seguiti durante il cambio di quelli da latte, che spesso non riescono a cadere naturalmente, ma anche da adulti visto che tendono a ricoprirsi di tartaro di frequente. Vanno quindi privilegiati cibi secchi e duri che consentono una regolare masticazione, nonché qualche seduta dal veterinario in età adulta per una pulizia più accurata.

Cure:

Il mantello è una delle attrattive principali della razza, e mantenerlo apposto è veramente un gioco da ragazzi! Bastano un paio di spazzolate a settimana mentre il bagno, se il soggetto vive in casa, basta 1 volta al mese.
Qualche cura in più è necessaria se vogliamo fare del nostro fedele amico un cane da esposizione. Le spazzolate devono essere più frequenti e particolare cura deve essere rivolta a coda, orecchie e Jabot (soprattutto per i maschi), ovvero i punti che tendono a formare nodi con facilità. Con un po' di costanza e soprattutto con un pettine d'acciaio e una buona spazzola in nylon e setole tutto sarà semplice.
Il bagno va bene ogni 15/20 giorni, è consigliato oltre il normale shampoo e balsamo anche uno sbiancante, che da un effetto di maggiore brillantezza.
Fra uno show e l'altro è bene nutritre il pelo con un olio protettivo a ridotto contenuto di lanolina e glicerina al fine di creare un film protettivo.
Più si cura il pelo tra uno show  el'altro e più saranno facili e brevi i tempi di toelettatura.
E' da ricordare infine che per far assumere più corso al pelo sarebbe necessario lavare il cane qualche giorno prima della mostra, mentre per aumentare l'effetto liscio di coda e orecchie può essere utile una passata di piastra.
Il pelo va leggermente accorciato su garretti e piedi per evitare di appesantirli, andrebbero lasciati solo i ciuffetti anteriori allo scopo di affinare e allungare il piede conferendogli il tipico “piede da lepre”.
In Francia questa procedura non viene usata, anzi è spesso condannata dai giudici che preferiscono soggetti con pelo integro su arti e piedi, ma con un decisivo effetto di pesantezza in più. Particolare cura deve essere posta al problema della lacrimazione come in molte altre razze, (vedi Barboni e Bichon): quasi tutti i soggetti per la particolare conformazione dell'occhio tendono a lacrimare abbondantemente. Una conseguenza è che il soggetto, specie se chiaro, presenta una forte ossidazione del pelo, con una antiestetica colorazione rossastra. Ricordiamo che una moderata lacrimazione è fisiologica e che non esiste soluzione, se non una precisa scelta del cibo: vanno eliminati i mangimi troppo ricchi di proteine e il pasto quotidiano va integrato con un mi di farine vegetali...Sembra strano ma funziona, provare per credere!


* Si tratta di una condizione particolare in la rotula (la patella/testa del ginocchio), esce fuori dal suo assetto naturale bloccando la gamba. Può essere trattata chirurgicamente per dare sollievo al cane, ma essendo ereditaria i soggetti affetti devono essere esclusi dalla riproduzione e non possono avere accesso al campionato.
L'esenzione da tale patologia è richiesta obbligatoriamente dal C.C.C. (club cani da compagnia).

**E' una patologia dovuta ad una alterazione graduale delle cellule sensoriali che trasmettono luce e colori alla retina. Questo elemento riduce notevolmente le capacità viive specie in condizioni di scarsa illuminazione (la sindrome è detta anche cecità al crepuscolo). Anche questa patologia è ereditaria, e i soggetti affetti non vanno assolutmente usati per la riproduzione, essendo comunque un probema che può svilupparsi anche in età adulta (4/5 anni) risulta difficile tenerlo sotto controllo.

Read 7902 times Last modified on Sabato, 11 Febbraio 2012 14:35

Latest from stefano.baliani

More in this category: « Standard Carattere »
Login to post comments
On line
None
Statistiche
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi188
mod_vvisit_counterIeri2311
mod_vvisit_counterIn settimana4572
mod_vvisit_counterScorsa settimana11503
mod_vvisit_counterNel mese55657
mod_vvisit_counterScorso mese83017
mod_vvisit_counterTotali2527078
no pet shop
Diciamo NO anche noi! Votaci su:

"Questo sito/blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato
con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001"